Tra le tre residenze che compongono il complesso dell’Art Villas Resort, immerso nella giungla costaricana a nord della Playa Hermosa, questa è la prima ad essere stata completata nel 2020.
In un’area di circa due ettari ricoperta dalla folta vegetazione, un investitore della Repubblica Ceca ha chiesto ai due studi di architettura Refuel works e Formafatal di collaborare nella progettazione di questo importante intervento.

Le caratteristiche del luogo, i suoi dislivelli, i paesaggi naturali e la vicinanza con l’Oceano, sono stati il principio generatore dell’opera che omaggia l’architettura sudamericana del Novecento e i suoi Maestri Oscar Niemeyer e Paulo Mendes da Rocha, come ha dichiarato Dagmar Štěpánová di Formafatal. Art Villa, con la sua pianta quadrata, si sviluppa su due livelli e si colloca al centro di un luogo che gode di una connessione visiva tra la terra e mare. Il cemento, oltre a garantire sostegno alla complessità dell’opera di circa 570 mq, è l’elemento che instaura un dialogo materico fatto di contrasti e analogie con la natura circostante.

La villa è infatti perimetrata da un ampio camminamento esterno che permette di fruire dello spettacolo naturale che si apre su ogni lato.
L’impianto quadrato dell’edificio si sviluppa attorno ad una grande area comune da cui si diramano le cinque camere da letto dotate di bagno privato. Al piano interrato sono collocati i locali tecnici, una sala giochi per bambini, una palestra, una sala da ballo, una cabina armadio e una lavanderia.

L’elemento della piscina, affacciata verso ovest sull’Oceano Pacifico, diventa invece uno specchio in cui la natura si riflette, così come nello specchio d’acqua circolare collocato all’interno, un pensiero architettonico di significativa raffinatezza.

Le vetrate leggere a tutta altezza, in contrasto con la durezza del cemento, aprono gli spazi dell’abitazione verso l’esterno, mentre i leggeri cambi di quota, collegati con alcuni gradini, compongono delle soglie da attraversare e ricordano i dislivelli naturali del paesaggio circostante.

Gli interni sono caratterizzati dall’uso di materiali ricorrenti come il legno teak, il lino, il metallo. Gli arredi sono realizzati su misura da maestranze locali o provenienti dalla Repubblica Ceca mentre le piastrelle dei pavimenti sono realizzate in Nicaragua.

Spicca tra tutti il grande acquerello dipinto a mano sulla parete della cucina, un’opera d’arte che declina attraverso la pittura la straordinaria bellezza della giungla costaricense.

Se pure minimo, l’arredo è sofisticato e sprigiona la sua essenza circondato dalla natura selvaggia e la bellezza di questo luogo diventa la componente essenziale per una vacanza indimenticabile.

Photo credits: © BoysPlayNice