Il passare del tempo in un giardino zen
Il passare del tempo in un giardino zen
Il passare del tempo in un giardino zen
Il passare del tempo in un giardino zen

Non riceviamo una vita breve, ma tale la rendiamo

e non ne siamo poveri, ma scialacquatori

Seneca

Il trascorrere del tempo è un argomento delicato e affascinante. Il tempo non può essere governato dall’uomo ma solo razionalizzato in modo da avere la dolce sensazione di tenere tutto sotto controllo, eppure alla fine il tempo passa. La domanda che ci poniamo è: come passa? Questo certamente dipende da noi.

Nel De brevitate vitae Seneca inveisce contro lo spreco del tempo e nel film In Time Andrew Niccol ce ne mostra il valore facendolo diventare la valuta corente. Al giorno d’oggi il lavoro, gli impegni della vita quotidiana e la velocità delle informazioni rendono il tutto frenetico e complicato. Ad un certo punto si sente il bisogno di un momento di quiete, di calma, perfino di noia per ritrovare l’io interiore e abbandonarsi ai soli pensieri. Sentiamo il bisogno di rilassarci, di ritrovare un contatto con  i ritmi lenti della natura e ci avviciniamo con curiosità alle pratiche orientali, ai riti e ai gesti che chiedono autocontrollo e pazienza.

Ed è proprio dall’oriente che arriva l’intuizione dello studio inglese Ayaskan per il progetto Sand. Un’orologio che combina il passare delle ore con la bellezza e la serenità del giardino zen giapponese. Attraverso l’uso della sabbia e di una lancetta speciale che scandisce la nostra routine giornaliera si ritrova così armonia ed eleganza in un oggetto quotidiano che passa spesso inosservato. Begum and Bike Ayaskan decidono di staccarlo dalla parete affidandogli il ruolo di protagonista.

Il tempo diventa poesia e il passare delle ore si trasforma in un gioco di linee concentriche che ci ipnotizzano e incuriosiscono. Potremmo restare a lungo a guardare questo speciale orologio senza accorgerci del trascorrere dei minuti, ammaliati dalla materialità e tattilità della sabbia e dal piccolo rastrello che lascia solchi decisi al mattino e leviga il tutto nel pomeriggio per poi ripetersi il giorno seguente all’infinito.

https://www.ayaskan.com/sand