​Negli ultimi mesi, per interesse personale e per lavoro, mi sono avvicinato al mondo della creazione di immagini tramite sistemi di apprendimento automatico, altresì noti come Intelligenza Artificiale (IA).

© Jacopo Spinelli via Midjourney

Nel corso dei secoli la storia dell’uomo è costellata di scoperte, innovazioni ed eventi che possono considerarsi dei veri e propri spartiacque.
In una delle rubriche di DesignTellers abbiamo già incontrato il tema dell’Intelligenza Artificiale e della sua applicazione, ad esempio nel mondo dell´arte.
L’intero ambito IA non è certo nuovo per gli addetti ai lavori, ma ultimamente si stanno affermando progetti e piattaforme che hanno l’obiettivo di aprire a tutti le possibilità offerte da questa tecnologia… ad esempio, appunto, in ambito artistico!
I progetti di Intelligenza Artificiale che generano immagini, come DALL E-2Midjourney e Stable Diffusion, utilizzano come detto sistemi di apprendimento automatico che a partire da un testo liberamente scritto dall’utente creano delle immagini.

An astronaut riding a horse in the stlyle of Andy Warhol. © DALL E-2

Particolarmente interessante è il risultato del concorso d’arte Colorado State Fair nel quale la categoria “Arte Digitale” è stata vinta da Jason M.Allen  con l’opera “Théâtre D’opéra Spatial“, un’immagine interamente creata con il generatore Midjourney. Al momento dell’iscrizione alla categoria arte digitale l’autore ha ovviamente dichiarato che l’immagine fosse stata creata tramite un computer e sostiene inoltre di aver sempre esplicitato nella descrizione che il lavoro fosse stato fatto tramite Midjourney.

Théâtre D’opéra Spatial – via Midjourney. © Jason M. Allen via Midjourney

Inutile dire che questo avvenimento ha suscitato molte polemiche, ma dopotutto l’uomo ha da tempo immemore sensazioni contrastanti riguardo al progresso tecnologico.
A livello artistico ed espressivo possiamo tranquillamente affermare che l’ascesa di nuovi strumenti tecnologici abbia già influenzato sia il processo creativo sia la nostra percezione estetica: dalla modellazione 3d in architettura e design fino alla grafica computerizzata nel mondo del cinema, per non parlare ovviamente del mondo dei videogiochi.

The Economist (cover) – via Midjourney. © The Economist via Midjourney

Come già avvenuto per molte innovazioni precedenti, a prescindere dell’ambito di applicazione, probabilmente l’uomo continuerà ad avere un ruolo centrale anche con l’affermarsi di queste nuove tecnologie, quanto meno per la nostra duplice natura che ci spinge verso nuovi traguardi e contemporaneamente a riflettere in modo critico sulla direzione verso la quale stiamo andando.


English version

Artificial Intelligence and a future only to be imagined 

Over the past few months, out of personal interest and work, I approached the world of image creation using machine learning systems, also known as Artificial Intelligence (AI).
Throughout the centuries, human history has been scattered of discoveries, innovations and watershed events.
In one of the Design Tellers columns, we have already encountered the subject of Artificial Intelligence and its application, for example in the world of art.
The whole field of AI is certainly not new to experts, but recently projects and platforms have been emerging with the aim of opening up the possibilities offered by this technology to everyone… for example in the field of art!
Artificial Intelligence projects that generate images, such as DALL E-2Midjourney and Stable Diffusion, use machine learning systems that create images from text freely written by the user.
Particularly interesting is the result of the Colorado State Fair art competition in which the “Digital Art” category was won by Jason M. Allen with his work “Théâtre D’opéra Spatial“, an image created entirely with the Midjourney generator. When registering for the digital art category, the author obviously stated that the image had been created using a computer and also claims to have always made it explicit in the description that the work had been done using Midjourney.
Needless to say, this event has aroused much controversy, but after all, man has had mixed feelings about technological progress since time immemorial.
On an artistic and expressive level, we can safely say that the rise of new technological tools has already influenced both the creative process and our aesthetic perception: from 3D modelling in architecture and design to computer graphics in the world of cinema, not to mention the world of video games!
As with many previous innovations, regardless of the field of application, humans will probably continue to play a central role in the appearance of these new technologies, at least because of our dual nature that pushes us towards new goals and at the same time to think critically about the direction in which we are going.