Correva l’anno 1968… creatività al potere!
Correva l’anno 1968… creatività al potere!
Correva l’anno 1968… creatività al potere!
Correva l’anno 1968… creatività al potere!
Correva l’anno 1968… creatività al potere!
Correva l’anno 1968… creatività al potere!
Correva l’anno 1968… creatività al potere!
Correva l’anno 1968… creatività al potere!
gggggggggggggggg

Durante la 57a edizione del Salone del Mobile il magazine INTERNI ha distribuito “uno speciale” per i lettori di Panorama. Un numero dedicato alla creatività che è stato intitolato così: 68, creatività al potere. Un anno importante e significativo che, nonostante le turbolenze, ha portato molti cambiamenti, anche nel design. Molte le cose da raccontare, ma voglio “isolare” tre icone per lasciare spazio a successivi articoli, il materiale è tanto, tantissimo, dunque comincio con tre evergreen che ancora oggi sono oggetti di culto. Artemide nel 1967 propone al pubblico ECLISSE, design by Vico Magistretti, “una lampada da tavolo spiazzante, sorprendente e imprevedibile. Eclisse è figlia del suo tempo libertario e anticonvenzionale. Un gioco di semisfere e calotta rotante in acciaio e tecnopolimero. In un’epoca dove la lampada da tavolo era ancora concepita con il paralume in tessuto Vico magistretti stravolge il pensiero attraverso un’idea che innesca un rinnovamento rivoluzionario.” B&B Italia, azienda fondata nel 1966 dall’intuito di Piero Busnelli, ha da sempre avuto una vocazione per ricerca e l’innovazione, nel 1969 presenta la SERIE UP, design by Gaetano Pesce, una serie di ben sette modelli dove l’essenza del “design made in Italy” si concentra nella poltrona con pouf UP5_6. Ironica, colorata e moderna… una poltrona come mai si era vista. Strizza l’occhio con ironia alle forme “morbide e sensuali” di una donna, ma è anche comoda ed estremamente ergonomica. Un’icona del design che ancora oggi è apprezzata in tutto il mondo. “Kartell è stata fondata a Milano nel 1949 da Giulio Castelli e da quasi 70 anni è una delle aziende simbolo della progettualità made in Italy”. Nel 1967 lancia un rivoluzionario progetto chiamato COMPONIBILI, nato dalla mano di Anna Castelli Ferrieri. I mobili di questa serie hanno rappresentato una svolta, creando una tipologia di arredi che in realtà sono stati i primi complementi modulari e assemblabili realizzati in ABS. Questo materiale innovativo è stato successivamente molto utilizzato per altri importanti progetti, non solo in casa Kartell. Gli arredi modulabili sono diventati un classico senza tempo, all’avanguardia per l’epoca e ancora oggi molto richiesti poiché pratici, leggeri e facili da collocare in qualsiasi ambiente. Lo speciale N. 85 di INTERNI mi ha regalato molti spunti, mi ha fatto vivere un’epoca in cui non ero ancora nato, ma che ha saputo creare oggetti di design che ancora oggi sono icone del made in Italy… a presto, per un altro tuffo nel passato!

hhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh