IL GIGI

UN GIRO ALLA PINAKOTHEK DER MODERNE DI MONACO
Monaco a fine settembre, contesto perfetto per una bevuta e un giro di giostre all’Oktoberfest. E invece no, almeno non solo. Perché durante il mio weekend in Baviera non ho perso occasione per visitare quello che viene considerato un tempio del design e dell’arte: la Pinakothek der Moderne.




La Pinakothek der Moderne è stata inaugurata il 16 Settembre del 2002 ed è costata in totale circa 121 milioni di euro (il più caro tra i musei della città), diventando ad oggi il museo di arte moderna e contemporanea più importante della Germania e tra i più importanti in Europa.
Esternamente la struttura dell’edificio sembra un unico blocco di cemento, impreziosito dalle grandi vetrate e dalle ampie aperture nella struttura principale.
Nei suoi 12.000 mq custodisce molti capolavori dei maggiori esponenti dell’arte moderna e contemporanea come Kandinskij, Magritte, Picasso, Dalì, Andy Warhol e De Chirico.





Al piano inferiore troviamo la Neue Sammlung für Design und Kunstgewerbe (Il nuovo Museo di Design e Arte Applicata). Questa collezione, con i suoi 45mila oggetti, è la più importante in assoluto nel settore del design industriale.
Qui troviamo classici del design che hanno fatto storia, come il maggiolino Volkswagen d'epoca, le sedie Eames, la chaise longue di Le Corbusier e i primi Apple Mac. Infine, c'è il Museo dell'Architettura, con una gran quantità di disegni, progetti originali e fotografie dei migliori architetti a livello mondiale.